Niko Niko Parlo giapponese da zero. Manuale di conversazione per italiani livello base

Niko Niko è il sorriso che compare sul volto in modo inaspettato, un sorriso vero e non premeditato, spontaneo e accennato. È il sorriso che vorremmo vedere comparire sul tuo viso quando, una volta in Giappone, ti renderai conto di aver capito ciò che ti è stato detto; quello che compare quando, pronunciata una frase, la risposta e la reazione sono esattamente quelle che ti aspettavi; quando ti inizierai a sentire come in un anime in lingua originale nel quale, piano piano, iniziano a comparire i sottotitoli!

Non avrei mai immaginato che il primo libro, Chikamichi Giapponese da zero, potesse piacere così tanto al pubblico: dopo meno di un mese dalla sua pubblicazione era già in ristampa, e poi di nuovo in ristampa…e un’altra volta ancora. Neanche un anno di vita ed è già arrivato alla quarta edizione, sperando che non sia l’ultima!
Dopo l’inaspettato successo di Chikamichi è arrivata un’ altrettanto inaspettata proposta, da parte della casa editrice: quella di realizzare un secondo volume, con una sorpresa in più!

milena e mitsu in studio registrazione

La proposta: un nuovo libro di Giapponese, ad una sola condizione

Carta bianca, massima fiducia nei nostri confronti, tempistiche a nostra discrezione…e conseguente ansia da prestazione all’ennesima potenza!!!

Eravamo liberi, liberi di realizzare qualunque cosa pensavamo potesse funzionare. Un unico paletto: non doveva essere il seguito di Chikamichi. Non dovevamo realizzare un volume simile che proseguisse con il programma di studio preparando al livello N4 del JLPT. Tutto ma non quello.
“Il nuovo libro deve poter funzionare anche da solo”. Chiunque deve essere in grado di utilizzarlo, comprenderlo e sfruttarlo anche non avendo già “studiato” su Chikamichi!
Avevamo però un bonus: la casa editrice avrebbe messo a disposizione il suo studio di registrazione per dare voce al nostro libro.

Io sono cresciuta, durante la mia vita da studentessa universitaria, con un desiderio: trovare in libreria un libro fatto in un certo modo, libro che non ho mai trovato e che, sinceramente, tuttora, non trovo. Così ho pensato: se il libro che vorrei non esiste, quale occasione migliore per costruirlo e mettere giù un progetto che unisca la mia idea con i personaggi di Chikamichi?

La nostra idea: un manuale di conversazione per imparare a cavarsela in Giappone

Avevo in testa una conversazione a fumetti, stile manga. Poche battute, giusto quattro o sei al massimo, che simulassero delle situazioni pratiche: chiedere a un passante di scattare una foto, ordinare al ristorante, chiedere dove si trovi il bagno, comprare un farmaco in farmacia, indicare le proprie allergie o chiedere un piatto vegetariano, vegano, senza glutine, ecc. Questo, e tanto altro, seguendo una logica, seguendo un percorso di viaggio che parte dal controllo passaporti in aeroporto e che finisce con i saluti a chi abbiamo conosciuto in Giappone.

Non soltanto fumetti: ogni battuta volevo fosse esaminata dal punto di vista grammaticale, imparando a costruirla autonomamente ed essendo poi in grado di utilizzarla anche in altri contesti.

Ancora il numero quattro!

Dopo un confronto con Mitsu abbiamo stabilito che il nuovo libro sarebbe stato diviso in quattro sezioni (di nuovo questo sfigatissimo numero quattro):

  1. conversazioni con trascrizione fonetica e possibilità di ascoltare la pronuncia dei personaggi che, questa volta, prendono vita grazie alle voci di Mitsu e Taeko;
  2. spiegazione delle regole grammaticali presenti nelle frasi in modo da imparare ad utilizzarle anche in altri contesti, sempre condite con pillole di cultura, usi, costumi e suggerimenti di viaggio;
  3. kanji utili per affrontare la situazione presentata nella conversazione (quelli presenti sui distributori automatici, sul bancomat, sulle macchinette dei biglietti dei treni, sul wc elettronico, ecc.);
  4. esercizi per praticare quanto appreso.

Detto fatto. La proposta è piaciuta ed è stata subito approvata con entusiasmo ed è così che ha iniziato a prendere vita anche Niko Niko.

Cosa significa Niko Niko? La scelta del titolo del nostro libro

Partiamo dal titolo. Niko Niko è un’onomatopea ma non descrive un suono bensì una reazione.
Cosa? Ma allora che onomatopea è? Quando mai le reazioni fanno rumore?
Il punto è che la lingua giapponese scava talmente in profondità nel non-detto che riesce persino a donare un suono a tutto ciò che un suono non ce l’ha, ma che fa rumore attraverso sensazioni interne, scombussolamenti emotivi, reazioni incontrollate e comportamenti.

Niko Niko è il sorriso che compare sul volto in modo inaspettato, un sorriso vero e non premeditato, spontaneo e accennato. È il sorriso che vorremmo vedere comparire sul tuo viso quando, una volta in Giappone, ti renderai conto di aver capito ciò che ti è stato detto; quello che compare quando, pronunciata una frase, la risposta e la reazione sono esattamente quelle che ti aspettavi; quando ti inizierai a sentire come in un anime in lingua originale nel quale, piano piano, iniziano a comparire i sottotitoli!

mitsu taeko milena

Niko Niko: l’antidoto contro ciò che potrebbe metterti in difficoltà in Giappone

Per elaborare Niko Niko in modo tale che fosse realmente pratico e utile, io ed Enrico abbiamo formulato e somministrato un questionario di viaggio a tanti appassionati che sono riusciti a coronare il sogno di andare in Giappone. Sulla base delle risposte ricevute, abbiamo inserito nel libro l’antidoto contro ciò che, secondo tanti viaggiatori, potrebbe generarti tensione o agitazione, ciò che potrebbe metterti in difficoltà o potrebbe sembrarti inspiegabile…puro mistero del popolo giapponese!
Ma non soltanto questo, abbiamo anche provato a prevedere ciò che potrebbe piacerti, ciò che non puoi perderti o ciò che, secondo noi, dovresti assolutamente fare o provare!

Esaminando i dati, facendo delle statistiche (qui trovi tutte le statistiche complete), abbiamo visto che una delle preoccupazioni più grandi nasce dal fatto che molti giapponesi non parlino inglese e, quando lo parlano, lo fanno in modo alquanto bizzarro e incomprensibile. Molti si chiedono anche cosa dicano i cassieri dei konbini (Seven Eleven, Lawson, Family Mart, ecc.) non appena gli si porge un prodotto oppure come mai non si trovino cestini dei rifiuti per strada!

E se sono allergico a qualcosa? Come faccio a dirlo in modo chiaro? E se c’è una scossa di terremoto come mi comporto? E se perdo il portafoglio a chi posso rivolgermi? Cosa si nasconde dietro ai disegnini che descrivono le funzioni del wc giapponese? E come arrivo fino al tempio e cosa c’è scritto sull’omikuji (foglietto che prevede se avrai fortuna) che ho pescato?

Queste sono solo alcune delle tematiche che abbiamo deciso di trattare all’interno di Niko Niko e questa volta lo abbiamo fatto inserendo anche delle pratiche tracce audio!

immagini da conversazioni niko niko

Cosa devi aspettarti da questo nuovo libro?

Innanzitutto un manuale che ti accompagni nel mondo della conversazione. Quindi, affinché possa trarre il meglio da lui, devi condirlo con un pizzico di coraggio e voglia di metterti in gioco veramente una volta sul posto!

Ti faccio un esempio.
Niko Niko ti spiega come si fa a formulare una richiesta attraverso la primissima situazione che potresti vivere in Giappone: quella di dover fornire il passaporto e guardare l’obiettivo affinché il personale possa scattarti una foto identificativa. Poi, grazie alla spiegazione e agli esercizi, tu imparerai a fare richieste analoghe: saprai chiedere a qualcuno di scattarti una foto, di mostrarti il funzionamento di un dispositivo, di ripetere, di parlare in inglese, di aspettare un attimo, ecc.

Ti faccio un altro esempio.
Niko Niko ti presenta una situazione in cui i nostri personaggi sono al ristorante: uno di loro è vegetariano e chiede al personale se, nel menù, è presente un piatto che non contenga né carne né pesce.
Tu imparerai la costruzione delle frasi da utilizzare in quel contesto e sarai in grado di dire cosa non puoi mangiare, che allergie hai, cosa non ti piace, cosa vuoi rimuovere dal tuo piatto e tanto altro ancora.

Niko Niko ti spiega come fare ma, finché tu non lo farai davvero e non scoprirai che la tua richiesta è stata compresa (così come anche la risposta che riceverai), la tua missione non sarà compiuta al 100%!

copertina mitsu e milena

Quindi, non solo serve il tuo impegno, ma anche il tuo coraggio!

Con Chikamichi giapponese da zero ti abbiamo fornito le istruzioni su come fabbricarti un bel paio di scarpe solide e comode. Con Niko Niko parlo giapponese da zero ti abbiamo regalato delle scarpe quasi pronte. Sta a te muovere i primi passi affinché possano, piano piano e con costanza, prendere la forma del tuo piede e diventare sempre più confortevoli, affinché tu possa camminare sempre più lontano sulla via della comunicazione con questo popolo così diverso ma così affascinante…e propenso a prenderti per mano!

Vuoi affiancare al mio libro uno dei miei corsi?
Ecco i prossimi corsi in Calendario!

Aprile 2024
Settembre 2024
Nessun evento trovato!

Contattami

Contact Form Giapponese

Vorresti seguire un percorso completo per imparare il Giapponese?

Hai delle domande o vorresti prenotare una Sessione di Orientamento online con me?

Compila il Form con i tuoi dati e la tua richiesta: ti risponderò il prima possibile.

Just sMile!

disclaimer

Con i link Amazon indicati in questo articolo il mio sito justsmileformazione.it ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota delle vendite, senza variazione dei prezzi. Puoi decidere di acquistare un prodotto da me consigliato direttamente dal link che porta all’articolo su Amazon oppure cercare le stesse cose in modo diretto nello stesso marketplace o su altri motori di ricerca.

share